Novamont Agro

In NOVAMONT promuoviamo un modello di agricoltura sostenibile basato sull’utilizzo a cascata delle materie prime e sullo sviluppo di soluzioni che contribuiscono a risolvere specifiche problematiche ambientali. Realizziamo filiere agroindustriali innovative a partire dalle aree locali, in partnership con gli agricoltori. 


NOVAMONT è attiva nel mondo dell’agricoltura, a partire dalla coltivazione e dal recupero di materie prime locali (colture a basso input, sottoprodotti, scarti di lavorazione), in una logica di utilizzo “a cascata” di tali materie prime, fino alla produzione di manufatti e soluzioni sostenibili attraverso processi industriali che tendono alla minimizzazione dell’impatto ambientale.

Una componente fondamentale della nostra attività di ricerca è l’identificazione di colture autoctone, che possano essere coltivate in terreni marginali e non irrigui, per permettere di valorizzare le specificità locali, aumentare la fertilità dei suoli ed allo stesso tempo massimizzare l’uso di scarti e residui. Seguendo questo approccio attiviamo filiere agroindustriali innovative rispettose del territorio, in collaborazione con gli agricoltori e le loro associazioni.  Nel gennaio del 2015 abbiamo sottoscritto con Coldiretti, FAI e CAI un accordo volto all’implementazione del nostro modello di agricoltura sostenibile. La collaborazione fa riferimento alla diffusione del cardo, un’aridocoltura che per le sue caratteristiche è in grado di fornire il tipo di olio e di biomassa rispondente alle esigenze della bioraffineria Matrìca per ottenere bioprodotti a basso impatto ambientale.

Le nostre soluzioni dedicate al mondo dell’agricoltura, ottenute dalla bioraffineria integrata nel territorio, contribuiscono a risolvere specifiche problematiche legate al fine vita di alcuni manufatti (ad esempio  pacciamature, clips, dispenser per feromoni), di minimizzare i rischi legati alla dispersione di prodotti nell’ecosistema (biolubrificanti) o di ridurre l’uso di alcune tipologie di input chimici (bioerbicidi).