Mater-Biotech

Modello Novamont

La messa a punto di innovativi processi di biotecnologie industriali completa il nostro progetto di bioraffineria integrata nel territorio  

MATER-BIOTECH, in linea con il nostro modello di bioeconomia intesa come rigenerazione territoriale, è stata creata da NOVAMONT dalla riconversione industriale di un sito produttivo dismesso. L’azienda svolge attività di ricerca e sviluppo e produzione di intermedi chimici, ottenuti da materie prime rinnovabili. 

L’impianto è un punto di partenza per successive integrazioni a monte e a valle del nostro processo produttivo e rappresenta uno sviluppo fondamentale del nostro modello di bioraffineria, integrando i processi chimici già consolidati con le biotecnologie industriali. NOVAMONT si avvale della collaborazione strategica di Genomatica, società statunitense leader nello sviluppo di microrganismi per processi di fermentazione.
 
 

Rigenerazione territoriale. MATER-BIOTECH è il risultato del progetto di riconversione industriale del precedente sito BioItalia ex Ajinomoto di Adria (RO), in una logica di rigenerazione territoriale e di valorizzazione delle infrastrutture, delle competenze e delle professionalità pregresse, con positive ricadute sull'industria a valle e sull'indotto. Sono circa settanta le persone che lavorano attualmente nello stabilimento di MATER-BIOTECH. 



Primi al mondo. 
MATER-BIOTECH rappresenta il primo impianto industriale dedicato a livello mondiale in grado di produrre butandiolo (1,4 BDO) direttamente da zuccheri attraverso un processo fermentativo. 
Il biobutandiolo presenta una carbon footprint inferiore del 50% rispetto al BDO tradizionale. Avviato nel 2016, l’impianto ha una capacità produttiva di 30.000 tonnellate l’anno ed è stato concepito per riutilizzare i sottoprodotti per il fabbisogno energetico dell’impianto stesso, ottimizzando così il ciclo di vita dell’intero processo. 





MATER-BI e bio-butandiolo. L’1,4 BDO prodotto da MATER-BIOTECH è utilizzato come building block rinnovabile per la produzione delle bioplastiche NOVAMONT. In particolare rende possibile la produzione della quarta generazione del MATER-BI, aumentando notevolmente il suo contenuto di materie prime rinnovabili (passando dal 36 al 61% per i gradi destinati alla produzione di film) e diminuendo ulteriormente le emissioni di gas effetto serra (carbon footprint inferiore del 10-15%). 
 


News da MATER-BIOTECH

 
Nota Stampa Novamont - 18 aprile 2017
 
Riparte la seconda edizione di Scuola@Novamont: prima tappa dedicata all’impianto industriale di MATER-BIOTECH in Veneto
 
MATER-BIOTECH: inaugurato il primo impianto al mondo per la produzione di bio-butandiolo da materie prime rinnovabili